Una giornata come tante.

Oggi, per onorare questa giornata, volevo ‘reblogarvi’ una bellissima poesia che ci ha regalato Laura Rocca nel suo Blog, la potete leggere qui 2 Novembre. 

Poi, ho pensato di riportarvi qualcosa che più si adegua al mio personale dolore in questa giornata dei ricordi che, in realtà, lungi dall’essere unica, è solo una delle tante.

Chi ha subito una perdita ben sa che non ci sono giornate da dedicargli perché il ricordo con i suoi pensieri tristi, malinconici ed anche felici che siano, è sempre lì, e non aspetta il due novembre per essere rinnovato.

Ad ogni modo, vi lascio un breve passo che ha in sé tutta l’essenza del dolore più grande, quello che mai potrà essere realmente comunicato né, tantomeno, lontanamente raccontato.

“La sua morte fu un colpo così terribile per me che, un tempo signore del linguaggio, non trovo parole per dar voce alla mia angoscia e alla mia vergogna. Mai, neppure nei giorni migliori del mio progredire d’artista, avrei avuto parole adatte a esprimere un peso tanto solenne, o a muovermi con sufficiente potenza musicale attraverso la purpurea parata del mio incomunicabile dolore. “
                                                                                 Passo tratto da De profundis Oscar Wilde 

Autore: Il Cuore di Beatrix

Sono contraddittoria ma solo apparentemente, insofferente, ribelle, fedele in amicizia ed in amore ... se mi tradiscono non dimentico soffro ma, vado sempre avanti ! Amo tutto ciò che faccio: la mia professione, le mie passioni, la mamma.... e per ogni cosa che intraprendo ci metto l'anima ed il cuore.

22 pensieri riguardo “Una giornata come tante.”

  1. Hai ragione, ci si ricorda tutti i giorni delle persone che ci hanno lasciato, lasciando un vuoto incolmabile nella nostra vita, per fortuna il tempo allevia il dolore e si va avanti, portando il loro ricordo nel cuore. Un caro abbraccio.

    Piace a 1 persona

    1. Cara Giovanna è proprio così. Però, noi che siamo rimasti ci sosteniamo a vicenda. In fondo il dolore ha una forza potente di aggregazione e di fratellanza, chi può capire se non colui che come te ci è passato ? un forte abbraccio in questa bella giornata novembrina, una come tante ! ❤

      Piace a 1 persona

  2. certo si soffre Bea, ma se si raggiunge la consapevolezza che la morte in effetti non esiste, ma che si passa solo da una dimensione ad un’altra, allora ci si può ricordare di determinate persone anche col sorriso…ed è così che mi piace farlo… 😉

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...