Come si calcolano gli aumenti e le diminuzioni nel lavoro a maglia ?

Parte seconda. Istruzioni utili per realizzare un lavoro a maglia in base alle misure che desiderate raggiungere.

Queste istruzioni vi saranno molto utili se volete realmente creare qualcosa su misura e come lo avete pensato, senza copiare istruzioni indicate in schemi che potrebbero poi risultare errate per tutto quanto vi ho spiegato nella prima parte di questo tutorial  vedi qui parte prima .

Ripartiamo quindi dal famoso campione e, senza perderci in chiacchiere facciamo un esempio pratico con i calcoletti matematici utili per svolgere il lavoro. Non vi angosciate se la matematica non è nelle vostre corde, sono la prima che ha sempre ricordato Venditti quando sante parole cantava: “la matematica non sarà mai il mio mestiere….” ricordate? Pertanto, se le utilizzo io queste formulette, è cosa semplice e possibile !!!

Nella prima parte abbiamo visto come dal campione riusciamo ad avere il coefficiente utile per sti benedetti calcoli perciò, nell’esempio di oggi voglio realizzare la manica per un cardigan, tale manica la voglio di queste misure indicate nel triste disegno spero comunque esplicativo

2015-09-04 18.32.52

Inoltre, ho già deciso che la voglio realizzare a maglia legaccio (ovvero tutti i ferri pari e dispari sempre lavorando le maglie a dritto) così il mio campione lo eseguo già con quel punto proprio per avere maggior precisione.

Quindi, senza ripercorrere quanto spiegato sul campione ed il coefficiente vedi qui Κ il mio risultato sarà:

10×10 = 18 maglie(larghezza) × 39 ferri(altezza)

2015-08-31 14.29.472015-08-31 14.32.52

quindi da qui il mio coefficiente sarà  18:10= 1,8 per la larghezza e  39:10=3,9 per l’altezza.

Ora, a differenza dell’altra volta nell’esempio di oggi, dovrò aumentare perché l’inizio del lavoro ovvero il ‘polsino’ lo desidero di 24 cm. di larghezza e devo avere alla fine della manica per gli scalfi una larghezza totale di 42 cm, pertanto visto che nel mio caso dovrò realizzare una manica 3/4, l’altezza totale del lavoro fino alle diminuzioni degli scalfi la voglio di 40 cm totali

I calcoli già spiegati nella prima parte saranno questi

1,8 × 24 cm = 43,2 traducendo 1,8maglie = 1cm × i 24 cm che devo avere all’inizio del mio lavoro = avviare 43,2 maglie da avviare

a questo punto non mi resta che fare lo stesso calcolo per sapere quante maglie dovranno risultare alla fine del lavoro prima delle diminuzioni degli scalfi quindi

1,8 × 42 cm = 75,6 maglie ovvero, traducendo 1,8maglie×42 cm che voglio raggiungere = 75,6 che dovrò avere alla fine del lavoro.

Decido di avviare 42 maglie (tenendomi un po’ più stretta in considerazione del fatto nel mio caso se l’inizio è un po’ più stretto di 24 cm mi andrà bene lo stesso), e so che devo arrivare a 74 maglie farò sempre in tempo a fare un aumento in più per arrivare precisamente ai 42 cm.

Detto ciò il calcolo teorico è questo:  74 – 42 = 32 maglie da aumentare essendo una manica, saranno 2 aumenti ogni volta uno a destra e uno a sinistra, perciò 32:2= 16 aumenti totali.

Ora, se mi avete seguito fino a qui, manca da aggiungere un ultimo coefficiente, ovvero quello dell’altezza per poter calcolare ogni quanti ferri fare gli aumenti, quindi 40 cm di altezza corrispondono a 156 ferri dai nostri calcoli ( 39F:10cm = 3,9f × 40 cm = 156F)

 perciò dobbiamo in 156 ferri aumentare 16 volte e per scoprire ogni quanto aumentare si calcola 156:16 = 9,75

arrotondate le frazioni ovviamente !

Pertanto, se volete aumentare dopo il primo ferro farete ogni 10 ferri 1 aumento a destra e sinistra per 16 volte diversamente, potrete anche calcolarvi una diversa distanza, ad esempio se volete aumentare dopo un eventuale polsino fatto con punto costa, allora ipotizzando che ciò corrisponda a 6 ferri, inizierete con il primo aumento al 7° ferro, perciò calcolate 156 ferri = 40cm – 6  ferri lavorati per il polsino saranno = 150 ferri :16a = 9,375

Quindi, potrete aumentare ogni 8/9 ferri

Questa la matematica poi, lavorando misurate, controllate e calcolate le varianti che potete incontrare. Non state utilizzando una macchina pertanto, avete spazio per i calcoli, non dovete seguirli alla lettera ma, partite da quelli, le prove e l’esperienza faranno il resto !

Infine, questi calcoli possono essere utilizzati anche se invece di aumentare dovete diminuire.

La prossima volta parliamo degli scalfi e di come si calcolano le diminuzioni !

UUUUU che noia direte voi , bene ora che vi ho incastrato il cervello e ve l’ho distrutto vi saluto … se qualcuno invece si è interessato e ha dubbi, sono qui!

Vi auguro un buon fine settimana e attenzione che non vi perdo mai di vista !! ♥

j

Annunci

COME POSSO REALIZZARE UN LAVORO A MAGLIA IN BASE ALLE MISURE CHE DESIDERO ?

In questo spazio cercherò di illustrarvi le regole per calcolare il numero di maglie da avviare (e con quale numero di ferri) un filato a nostra scelta, per poter raggiungere la misura desiderata per un qualsiasi lavoro a maglia.

Prima cosa da fare è decidere il filato ed il modello che voglio creare.

A questo punto mi preparo il campione con il filato che ho scelto … le strade sono due:

se ho le indicazioni di quel filato che mi dice di usare ad esempio: i ferri del 3 / 4 e, mi indica anche il campione 10 × 10 a quanto deve corrispondere es. 20×27 cioè 20 maglie(larghezza) per 27 ferri (altezza),  allora prendo i ferri del 3 e mi avvio 24 maglie e le lavoro per 27 ferri ….

Finito il campione, controllo se le 20 maglie corrispondono a 10 cm di larghezza e che i 27 ferri corrispondono a 10 cm di altezza.

Perché ho detto di avviare 24 maglie ? Perché è bene avviarne un po’ di più e misurare poi il campione con il centimetro centrato, ovvero, lasciando ai lati le 2 maglie in più a destra  e a sinistra.

Se in 10 cm le maglie risulteranno di più ad esempio invece che 20, magari 22 o di più (tensione troppo stretta), vuol dire che devo aumentare il ferro indicato con cui ho lavorato il mio campione. La diminuzione del numero di ferro sarà proporzionale a quanto più si discosta l’aumento del numero di maglie risultate da quelle indicate.

Se in 10 cm le maglie saranno di meno di 20 (cosiddetta tensione molle del lavoro) cioè quelle indicate nell’esempio che abbiamo fatto,  allora dovremmo diminuire il numero del ferro e rifare il campione. Esempio: ho utilizzato il ferro del 4, dovevo ottenere 20 ma ne ho ottenute 19 di maglie, allora proverò con il ferro del 3 e½.

QUESTO METODO ha come obiettivo quello di ‘TROVARE LA GIUSTA LAVORAZIONE’ IN BASE ALLA VOSTRA NATURALE TENSIONE DEL LAVORO, ognuno di noi ne ha una ed è inutile modificarla, sono gli strumenti del lavoro che devono conformarsi al nostro modo di lavorare. Ed è proprio per questo motivo che non ho mai preso in considerazione schemi di giornale o schemi confezionati da altri, perché non saranno mai conformi al nostro modo personale di lavorare e, quindi  alla taglia che vogliamo raggiungere. Ovviamente, potrò tenere in considerazione le misure medie di un singolo capo se devo destinarlo ad un neonato di uno tre mesi, ma, comunque, rimane il fatto che il filato ed il mio modo di lavorare non sarà mai lo stesso di uno schema generico.

Raggiunto il campione che mi indicherà che per la larghezza di 10 cm ci vogliono le 20 maglie nell’esempio fatto sopra, userò quel numero di ferri con il quale ho lavorato il campione, a questo punto dovrebbe corrispondere anche  l’altezza ovvero, i  10 cm saranno raggiunti lavorando 27 ferri totali, se discosta un po’ segnatevi il numero di ferri che avete fatto per raggiungere i 10 cm di altezza. Quello sarà il vostro campione da cui dovrete partire.

Bene, avremo così i ferri ed il filato e sapremo a questo punto che se avvio 20 maglie avrò 10 cm di larghezza perciò, prendendo come esempio il campione 10×10 che mi corrisponde a 20maglie × 27Ferri, farò’ un semplice calcolo per vedere quante maglie devo avviare se mi serve che il maglioncino deve misurare ad esempio 30 cm di larghezza

20:10= 2 ovvero una maglia corrisponde a 2 cm ,

perciò 2 sarà il mio coefficiente per calcolare i cm  totali che vogliamo ad esempio, 30 cm. Allora  faccio 2×30 =  60 maglie a cui ci aggiungo 2 maglie in più per lavorare il vivagno all’inizio ed alla fine di ogni ferro (se voglio aderire alla scuola che lo utilizza), e che a me, ad esempio, facilita la cucitura finale.

Ora so che con quel filato utilizzerò ad esempio, il ferro numero 4 che più si adegua al mio modo di lavorare.

Lo stesso procedimento lo seguite se non avete indicazione del campione, con un filato medio di 2 mm proverò ad utilizzare il ferro del 4 e dal campione deciderò se aumentare leggermente il numero,  lavorando con un ferro del  4 ½ o diminuire. Quando abbiamo raggiunto un campione gradevole ci segneremo quante maglie corrispondono per i 10 centimetri di larghezza e quanti ferri ho fatto per raggiungere 10 cm di altezza.

Infine, quando ho finito il campione, lasciatelo sul ferro senza sfilarlo e misuratelo direttamente così.

Se poi vi serve per lavarlo e vedere come reagisce la lana o il filato in genere, per decidere se aumentare o diminuire la larghezza del lavoro allora potete chiuderlo e lavate il campione con poco ammorbidente (anche se alcuni marchi importanti di filato sconsigliano l’uso dell’ammorbidente), fatelo asciugare in piano, vaporizzatelo e misurate nuovamente per controllare che le misure non si siano modificate.

La prossima volta vi spiego come calcolare gli aumenti e le diminuzioni del nostro lavoro se vogliamo farlo su misura e ci serve una vita più stretta ad esempio oppure, allargare una manica, insomma, decidere di fare un modello più complesso, senza dover seguire gli schemi di giornale ma, in base alla nostra fantasia.

Domande? Non esitate a contattarmi

Buon proseguimento  di settimana …. sempre con il cuore.

TRADUTTORE