Punto Uncinetto Neve ?

13920923_331101487222186_2135004609501227323_n

Nel post spiego il perché sia una domanda il nome di questo punto per la nostra rubrica!

Nato mentre lavoravo, non so se già è stato ufficialmente catalogato!

Ad ogni modo, è un bel punto bicolore utilizzabile per mille lavori diversi in base ai colori che sceglierete di intrecciare!

Nel post spiegazioni dettagliate di come realizzarlo, perciò clicca sull’immagine sotto e buon lavoro!

img1474624705005

 

 

Annunci

Come lavorare le diminuzioni Raglan

photostudio_1453370969911photostudio_1453370725840

Ecco i miei due videotutorial dove spiego step by step come lavorare le diminuzioni raglan.

Nel dettaglio vi illustro come ho elaborato le diminuzioni per fare la maglia gioiello e come tecnicamente le lavoro ai ferri. 

Questo è un modo semplice per lavorarle, ma vi ricordo che ci sono diverse diminuzioni anche più elaborate con cui fare dei raglan più decorativi!

Mi raccomando se mi seguite sul canale Youtube non scordatevi di cliccare mi piace images24PIHCLUsotto il video se non mi seguite ISCRIVETEVI

 

“Maglia gioiello”

Vi presento un’altra mia creazione che ho battezzato maglia gioiello!

Trattasi di una maglia modello raglan per donna, interamente lavorata con il punto costa soft ed impreziosita da una rifinitura all’uncinetto sia intorno lo scollo, sia nella parte finale.

Qui ho voluto giocare e ho inventato un punto fantasia usando il punto giuditta all’uncinetto.

Questa rifinitura non è puramente estetica ma è anche funzionale all’inserimento di una ‘vitiera’ di bigiotteria adatta ai tessuti senza rovinarli, così da formare una cinta gioiello per la mia realizzazione.

Il tutorial è molto corposo, perché spiegherò tutti i passaggi della lavorazione e, contemporaneamente,  l’ho strutturato al fine di dare tutte le informazioni base necessarie  per lavorare su misura un capo ai ferri così da poter personalizzare il modello che vi propongo.

In questa parte, la prima di otto, vi presento la creazione e spiego come lavorare il campione e quali sono i primi calcoli da fare per la sagomatura della maglia !

Buon lavoro a tutti e con il ♥ vi saluto!

 

Tutorial Rosa all’uncinetto

Si può usare in mille modi, per abbellire vestiti, cappelli, per fare bouquet a mano, per un tocco di colore in casa, per un piccolo pensiero diverso ed originale.

Semplice e veloce il tutorial è efficace anche modificando il numero di catenelle iniziali e il numero di uncinetto utilizzato per raggiungere la grandezza della rosa che più desiderate.

Per questa nella foto (misura 4*4cm) ho utilizzato uncinetto numero 4 e filato da lavorare con uncinetto  3/3.1/2 come consigliato.

Avviamo 31 catenelle e per il primo giro creiamo 16 gruppi di quelli che saranno i nostri petali in questo modo: dopo la 31esima catenella facciamo altre tre catenelle che sarà il primo punto alto poi una catenella e sulla 31esima catenella (ovvero l’ultima prima delle tre che formano il punto alto) lavoriamo un altro punto alto. Questo è il gruppo che chiamerò V, composto da 1 punto alto una catenella ed un punto alto, ora dobbiamo ripeterlo per tutta la lunghezza in questo modo SALTO UNA CATENELLA E NELLA SUCCESSIVA (V 1PUNTO ALTO 1CATENELLA E 1 PUNTO ALTO) COSì FINO ALLA FINE DEL GIRO. 16 gruppi perciò saltate 15 catenelle alternando un gruppo lavorato e una catenella saltata!!!

2 GIRO CI TROVIAMO CON IL SEDICESIMO ‘GRUPPO’ LAVORATO (1Pa 1 CAT 1P.a.) FACCIAMO 3 CATENELLE (IL NOSTRO 1° PUNTO ALTO DEL SECONDO GIRO e dentro ogni V lavoreremo una V GRANDE OVVERO 2 punti alti 3 cat e 2 punti alti quindi facciamo una catenella in corrispondenza della catenella sotto del primo giro e arriviamo alla V successiva che lavoreremo sempre con 2 punti alti 2 cat e 2 punti alti e così fino alla fine. Anche qui ogni V grande lavorata è alternata da una catenella. 

3 ed ultimo GIRO: una catenella e lavoriamo dentro la V grande 10 punti alti quindi sotto la catenella lavoriamo un punto basso e di nuovo 10 punti alti nella V grande successiva fino alla fine di quello che sembrerà un serpentone, ovvero una striscia lunga formata dai tre giri lavorati come abbiamo visto. Lasciamo 10 cm di filo dopo aver chiuso il lavoro.

 Ci basterà chiudere a spirale avvolgendo questa striscia aiutandoci con ago da lana e filo per fermare il lavoro mentre lo avvolgiamo ed infine con il filo con cui abbiamo avvolto inseriamo una perlina e la fermiamo al centro del fiore (vedi la foto). 

La vostra rosa è pronta !! Per ora vi saluto e vi auguro un buon fine settimana ♥

PhotoGrid_1454764338239

 

Tutorial La Costa Perlata

Ecco la Costa perlata, un meraviglioso punto costa adatto a questa stagione per realizzare sia lavoretti semplici come sciarpe, scaldacollo, cappelli da uomo, ma anche capi più complessi e preziosi come maglioni,  cardigan o per rifinire le bordure di questi e abbellirli con dei cappucci.

Come vi ho anticipato è un punto double face, e può essere eseguito anche nella versione bicolore, oppure a tre colori, lavorando un ferro con un filato ed il ferro successivo con il filato in contrasto per un effetto unico.

Questo punto a maglia in inglese si chiama Half Brioche Stitch e qui potete vedere i risultati che si ottengono con più colori Two-Color and three -color

  ♥ ♥ Buon tutorial a tutti, buona maglia ovviamente e non dimenticatevi di cliccare images24PIHCLU ♥ ♥

Seguimi anche sulla pagina facebook https://www.facebook.com/Il-Cuore-di-Beatrix-creazioni-a-maglia-ed-uncinetto-106765066330447/

e dai il tuo gradimento  imagesJ7AF7YIG GRAZIE

Lavorare la Costa Inglese ai ferri e la domanda sorge spontanea

Un punto così classico eppur così difficile ? Nulla è difficile il momento che lo abbiamo imparato !

Mi chiama una cara amica che ogni tanto riprende in mano i ferri per realizzare qualcosa dedicato a lei. Decide di fare una maglia utilizzando la Costa inglese e si arma di rivista ‘blasonata’ in fatto di ferri ed uncini e trova lo schema che non si ricordava. Prova a realizzarlo una due e tre volte poi sospirando ed infine blaterando esclama: “così non va, eppure mi ricordavo diversamente!”. Poi mi chiama, mi racconta tutto e mi domanda “ma non era diritto il punto da fare prendendolo da sotto?”. Al telefono ci capiamo ma, con la scusa decidiamo di vederci tanto, il fine settimana, un’oretta per un caffè lo troviamo sempre.

Mi porta lo schema del famoso giornale e mi accorgo che invece del solito punto doppio a diritto, la Costa Inglese era presentata con la realizzazione del punto doppio a rovescio. In effetti lo schema è utile ma, forse non fornisce tutte le istruzioni utili per rendere semplice il lavoro. Dopo averle chiarito dove si annidava la difficoltà, le presento i due modi che più utilizzo per lavorare sta benedetta costa inglese e lei sceglie il terzo schema, il più easy e ciò perché non presuppone l’utilizzo del famigerato punto doppio che a molti proprio non va giù.

Così mi armo di santa pazienza, e sperando possa essere utile condividere un tutorial in tre parti che racchiude ciò che occorre sapere per lavorare questa costa classica e bellissima, giro il video da pubblicare. Vi propongo tre modi di lavorarla e tre risultati uguali nella sostanza ma, differenti nella lavorazione. Ho utilizzato tre dimensioni differenti di ferri per dar modo anche di cogliere la bellezza della lavorazione quando la realizziamo con un numero di ferri più piccoli.

Buona visione e buon proseguimento di settimana